San Paolo a Ripa d'Arno

Sito web ufficiale di informazione sul progetto di consolidamento 2016-2018

San Paolo a Ripa d'Arno

Sito web ufficiale di informazione sul progetto di consolidamento 2016-2018

San Paolo a Ripa d'Arno

Sito web ufficiale di informazione sul progetto di consolidamento 2016-2018

San Paolo a Ripa d'Arno

Sito web ufficiale di informazione sul progetto di consolidamento 2016-2018

San Paolo a Ripa d'Arno

Sito web ufficiale di informazione sul progetto di consolidamento 2016-2018

San Paolo a Ripa d'Arno

Sito web ufficiale di informazione sul progetto di consolidamento 2016-2018

Unicoop Firenze

Unicoop Firenze sostiene il restauro della Chiesa di San Paolo a Ripa d’Arno di Pisa e lancia una nuova campagna di raccolta fondi per contribuire all’intervento.

Anno nuovo, nuova campagna a favore della cultura e del patrimonio storico e artistico del territorio toscano: Unicoop Firenze ha risposto alla chiamata dell’Arcidiocesi di Pisa che dà avvio ai lavori di restauro della Chiesa di San Paolo a Ripa d’Arno. 

L’apertura del cantiere verrà ufficializzata con la conferenza stampa dell’8 marzo (ore 11 presso l’Auditorium G. Toniolo, piazza Arcivescovado, Pisa) che vedrà la partecipazione di Unicoop Firenze, pronta a chiamare a raccolta soci e clienti toscani e non per sostenere il restauro della struttura. 

L’avvio del restauro segue cinque anni di lavori richiesti per mettere in sicurezza l’edificio e per elaborare il progetto di recupero della chiesa. 

Unicoop Firenze, come grande cooperativa di soci consumatori, vede nel progetto un’occasione di sensibilizzazione della popolazione su un bene comune di cui prendersi cura perché possa essere un’eredità per le generazioni future. Partecipazione popolare, intergenerazionalità, senso di responsabilità e di appartenenza sono i temi rilanciati con questa campagna di raccolta dì fondi che punta a fare il bis, dopo l’esperienza di “Abbraccia il Battistero”: se il 2015 ha visto la Cooperativa a fianco dell’Opera del Duomo di Firenze per il restauro del Battistero di San Giovanni, il 2016 riparte con lo stesso slancio perché anche questa iniziativa diventi l’occasione per rinforzare il senso di comunità e di azione collettiva a favore di qualcosa che appartiene a tutti. 

La Chiesa è annoverata fra i capolavori del romanico pisano e ricordata come esistente già dal 1032: fra il 1090 e il 1092 passò ai monaci vallombrosiani e alla metà del XII venne ristrutturata nell’area presbiteriale. Gli ambienti monastici erano composti da due chiostri, demoliti dopo i gravi danneggiamenti della seconda guerra mondiale. Nel 1798 la chiesa fu eretta in parrocchia e nel 1853 subì radicali restauri che, con l’eliminazione degli altari  laterali e dell’intonaco, le diedero l’aspetto attuale. All’interno rimane oggi anche un affresco degli inizi del XIV secolo attribuito a Buonamico Buffalmacco.

Firenze, 7 marzo 2016
Ufficio Stampa 

 

Tags: Partner

  • Home
  • Finanziatori
  • Unicoop Firenze

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.